Otoplastica: Opinioni

opinioni otoplastica

Cos’è l’otoplastica?

L’otoplastica è un’intervento di chirurgia estetica destinato a correggere inestetismi e difetti nell’anatomia delle orecchie, come nel caso di padiglioni auricolari sproporzionati, difetti nella conformazione della cartilagine o delle famose “orecchie a sventola“.

Quando è necessario ricorrere alla chirurgia plastica?

In merito alla necessità di effettuare l’intervento di otoplastica le opinioni degli specialisti raramente sono contrarie. Infatti, questo intervento non sempre è richiesto per meri fini estetici, bensì a causa di un’oggettiva condizione di disagio. Nel caso delle orecchie a sventola, ad esempio, è possibile che si sviluppino dolorose infiammazioni, dovute a stress meccanici piuttosto comuni, come indossare un casco o dormire sul fianco, con il peso della testa che preme sull’orecchio sottostante.

In queste situazioni, riguardo all’intervento di otoplastica i pareri dei chirurghi sono quasi sempre favorevoli, poichè è necessario al fine di migliorare la qualità di vita del paziente.

Come si effettua l’intervento di otoplastica?

Nel caso dei difetti nella conformazione della cartilagine esterna, l’intervento di otoplastica viene effettuato con tecniche mini invasive, grazie all’utilizzo di moderni laser, che vanno a rimodellare le curve del padiglione auricolare senza creare fastidiose cicatrici.

Nel caso delle orecchie a sventola, invece, è necessario intervenire chirurgicamente, rimuovendo una piccola porzione di cartilagine all’attaccatura del padiglione e correggendo l’angolo di sporgenza applicando dei punti interni, in modo da ricollegare le pliche cartilaginee.

La durata dell’intervento varia dai 20 minuti alle 5 ore, a seconda della complessità e delle tecniche chirurgiche utilizzate. L’operazione si conclude poi con l’applicazione di un apposito bendaggio elastico.

A prescindere dalle tecniche utilizzate, tantissimi pazienti hanno beneficiato dell’intervento di otoplastica con opinioni assolutamente positive. Le nuove tecniche di chirurgia estetica permettono infatti di effettuare questo tipo d’operazione con l’ausilio dei laser chirurgici, che garantiscono incisioni più precise ed un risultato naturale e privo di cicatrici evidenti.

Quale iter deve seguire il paziente prima e dopo l’intervento?

Il primo passo da compiere è la visita medica presso un chirurgo estetico specializzato in otoplastica. Durante la visita, lo specialista esamina la forma dei padiglioni, le eventuali asimmetrie fra le due orecchie ed istruisce il paziente sulle modalità d’intervento più adatte.

Nei giorni successivi alla visita il paziente dovrà sottoporsi agli esami clinici pre-operatori, cercando di evitare l’eccesso di alcol ed il fumo di sigaretta nei giorni precedenti all’intervento. Inoltre, nel caso stia assumendo dei farmaci, dovrà concordare col chirurgo l’eventuale sospensione delle terapie in atto.

Il decorso post-operatorio è generalmente rapido ed il paziente, dopo le prime medicazioni obbligatorie, può tornare alle sue normali attività nell’arco di 2-4 giorni.

Tutti possono fare l’intervento di chirurgia plastica auricolare?

Gli interventi di chirurgia plastica dell’orecchio possono essere effettuati, su qualsiasi paziente, a partire dai 5-6 anni di età. In alcuni casi, nei confronti dell’otoplastica le opinioni degli specialisti possono essere conservative, mirando ad intervenire solo alla fine dell’età dello sviluppo.

Come ogni intervento chirurgico, la presenza di pregresse patologie può essere un fattore condizionante ed è buona norma informarsi presso il proprio medico di riferimento circa i possibili rischi.

Per un risultato ottimale consigliamo di affidarsi preferibilmente ad un chirurgo specializzato nell’estetica del viso.

Esistono alternative all’intervento di otoplastica?

Si, da qualche anno è disponibile, presso alcune strutture specializzate, la cosiddetta otoplastica non chirurgica, basata sulla manipolazione della cartilagine e sull’applicazione di suture esterne, in grado di ripiegare il padiglione e correggere le orecchie a sventola. Questo tipo di operazione, effettuabile in ambulatorio, ha ovviamente un decorso più agevole ed è particolarmente adatta ai bambini, ma risulta applicabile solo nei casi meno complessi.